Il Natale, quando arriva, arriva!

Dopo le serate meccaniche, i corsi di bici e le gare tra amici, il brindisi di Natale torna da Rossignoli in corso Garibaldi 71

Martedì 5 Dicembre ore 19.30

 

RACCONTI E ILLUSTRAZIONI Nel racconto di Stefano Baudino, la storia di un vecchio pistard che svela i suoi trucchi alle nuove generazioni. Altri racconti di bici nella raccolta di Gino Cervi, illustrata dai disegni di Riccardo Guasco.

BRINDISI E PANETTONI E siccome, a grandi pedalate il Natale si avvicina, tra racconto e illustrazione, ci sta un sorso e il panettone. Vi aspettiamo in bicicletta, per qualche lettura e un brindisi in amicizia.

I due libri: otto racconti e un sogno di cemento.

Ci fu un tempo in cui la bicicletta era vista come una rivoluzionaria invenzione che all’insegna della velocità, dell’agilità, della leggerezza faceva sognare il mondo. Gli Otto racconti in bicicletta, scritti da famosi autori italiani e inglesi tra il 1884 e il 1930, ci portano in quella Belle Époque in cui la bicicletta, o il velocipede, erano amati, ricercati, celebrati, talvolta anche criticati e temuti. Un simbolo di modernità che irrompeva e cambiava i costumi, che offriva una tecnologia da conoscere e domare, che offriva la possibilità di conquistare spazi e promettere nuove libertà. Agli Otto racconti in bicicletta le tavole illustrate di Riccardo Guasco conferiscono una nuova, originale interpretazione grafica.

 

 

Vittorio Bongiorni, un vecchio pistard piemontese in piena crisi esistenziale si trova a ri-frequentare il velodromo di San Francesco al Campo. Qui viene ingaggiato da Parente, padre di un vecchio rivale, perché alleni il nipote Adriano. Il ritorno in pista di Bongiorni crea profondi disagi negli equilibri già precari della famiglia Parente. Si riaccende la rivalità con Gregorio, padre di Junior e zio di Adriano, si scatenano le ire di Monica: la bella e single madre che non vuole  il figlio “velocista”. Mentre tra Vittorio e Monica si riaccende burrascosamente una vecchia passione, Vittorio insegna trucchi e malizie della pista al giovane, trasferendogli tutta l’esperienza nella Velocità e nel Chilometro da fermo e consegnandogli i suoi vecchi appunti, i Sogni di Cemento. La sfortunata caduta di Junior in uno sprint con il cugino scatena una faida familiare in cui la preparazione di Adriano si intreccia con l’evolversi di tradimenti, truffe; amicizie e nuovi amori. Nel corso del romanzo Adriano imparerà a sue spese e nel modo più duro tutti i segreti del ciclismo di velocità su pista e i protagonisti verranno trascinati dalla rivalità in una giostra di avventure che li cambierà irrimediabilmente.

Guarda il video dell’autore a Los Angeles ’84

Pin It on Pinterest